ADVERTISEMENT

Come diventare modella curvy in Italia: i consigli di agenzie e talent scout

come-diventare-modella-curvy-1-sfilata

Due dei messaggi più frequenti che riceviamo dalle lettrici riguardano il mondo della moda e sono più o meno questi: “Sapete dirmi come diventare modella curvy?” o “Quali sono le agenzie per modelle curvy in Italia?”. Abbiamo chiesto qualche dritta a due addette al settore e ne sono uscite delle indicazioni delle quali chi intraprende questa professione potrà fare tesoro.

A dirci come diventare modella curvy sono due imprenditrici che nel mondo delle donne morbide ormai hanno fatto casa, creandovi il loro lavoro: Mirella Rosato, titolare dell’agenzia per modelle curvy BeautyFull Models, con sede a Milano, ed Elisabetta Viccica, presidente dell’Associazione Amarsi un po’, che opera a Roma anche come talent scout fra le nuove potenziali modelle curvy (ha creato anche il nuovo format Venere in carne) e offre corsi di formazione professionale.

Sia Mirella sia Elisabetta ci confermano che negli ultimi due-tre anni il settore è in grande crescita e che le richieste che ricevono dalle aspiranti modelle sono sempre di più, che il mondo curvy in Italia sta avendo i suoi primi sostanziosi riscontri (cosa impensabile solo fino a qualche anno fa) e che la consapevolezza delle donne in fatto di accettazione è in aumento. Ecco i loro consigli su come diventare modella curvy e che – ci tengono a sottolineare – proprio come quello della modella regular non è un mestiere per tutte.

Come diventare modella curvy: parola di Mirella Rosato

Mirella Rosato, titolare dell’agenzia Beautyfull Models di Milano

Mirella Rosato lavora come imprenditrice nella capitale della moda, è titolare dell’agenzia BeautyFull Models dal 2013 e opera in questo settore, complessivamente, da circa quindici anni. Non arriva direttamente dal mondo delle ‘morbide’, ma lo ama e lo apprezza: è questo il motivo per cui quattro anni fa ha deciso di passare dalle agenzie di modelle regular a una per modelle curvy, aprendo un’azienda tutta sua per seguire la novità del settore e selezionare e offrire modelle professioniste ‘con le curve’. Modelle che devono – necessariamente – avere dei requisiti specifici.

“BeautyFull Models – spiega la Rosato – offre un servizio che comprende esclusivamente modelle che rientrano in specifiche caratteristiche, considerate curvy e come tali richieste dalle aziende di moda e prêt-à-porter. Le nostre ragazze e le potenziali candidate devono avere un’altezza che va da 1,74 m a 1,80 m, misure di seno comprese fra 95 e 110 cm, misure di vita comprese fra 65 e 90 cm e fianchi compresi tra 96 e 120 cm. Devono essere proporzionate, armoniose, oggettivamente belle, perché così ci viene richiesto dall’industria della moda curvy, con una taglia media che parte dalla 46 e arriva al massimo alla 50-52 (sartoriale). La bellezza non basta, però: una vera professionista – aggiunge la Rosato – sa anche avere un atteggiamento professionale, il che significa sapersi confrontare con i clienti e le persone che lavorano nel backstage, saper stare fra la gente e avere capacità di PR”.

Mirella Rosato sottolinea come BeautyFull Models sia, al momento, l’unica agenzia in Italia dedicata esclusivamente alle modelle curvy e alle influencer curvy. “Sono molto soddisfatta del movimento curvy – conclude Mirella -: ritengo che ogni donna debba accettare se stessa prima di ogni altra cosa. Il messaggio che mi piacerebbe dare, in linea con l’orgoglio curvy dei nostri giorni, è che amarsi significa stare soprattutto e innanzi tutto in salute, a prescindere dalla taglia che si indossa“.

Come diventare modella curvy: parola di Elisabetta Viccica

Elisabetta Viccica, presidente dell’Associazione “Amarsi un po’”

È con un’altra “fetta della torta” che lavora Elisabetta Viccica, che dal mondo delle donne plus size invece nasce per creare la sua immagine e le sue professioni. Una donna – verrebbe da dire – dalle mille sfaccettature, visto che ha avviato con l’Associazione Amarsi un po’ e con il brand di lingerie oversize Evha&Eva il suo percorso nel mondo delle modelle curvy partendo da un obiettivo sociale, quello dell’accettarsi, per poi diventare una delle portabandiera del movimento del ‘curvy è bello’ e una talent scout di potenziali curvy model.

L’accettazione di sé è la prima cosa per una donna, che sia una modella o meno“: questo in soldoni il motto di Elisabetta, che dopo anni di impegno per la valorizzazione del mondo curvy, offre oggi con la sua associazione booking, ma anche corsi di portamento e di posa fotografica per le potenziali modelle. Il suo target è più plus size: “A me – spiega la Viccica – si rivolgono principalmente clienti in cerca di modelle che indossano taglie dalla 48 in su. Ciò che è molto importante sottolineare è che ci sono dei requisiti di base essenziali e che essere curvy non significa in automatico poter essere una modella curvy. Serve avere presenza, saper sfilare, serve avere portamento, serve sapersi destreggiare in questo campo. Ed è importante anche avere un book professionale: foto scattate in bagno o in macchina con lo smartphone non lo sono affatto. Andreste mai a un colloquio di lavoro senza l’abbigliamento richiesto o con un curriculum pieno di errori? Se si vuole intraprendere un percorso di questo tipo, la professionalità è alla base di tutto”.

I requisiti fisici per le modelle plus size selezionate da Amarsi un po’ sono più flessibili rispetto a quelli di BeautyFull Models (ad esempio, per gli shooting fotografici non è sempre necessaria l’altezza, anche se aiuta molto con le proporzioni), ma non inesistenti. “Per il mio ambito – conclude la Viccica – , molto dipende dal messaggio che il cliente, o io, nei miei progetti, vogliamo trasmettere: la catwalk o il catalogo richiedono determinate misure, ma se si organizza un evento per far sentire le donne sensuali e creare le condizioni perché si accettino, tutte le misure sono gradite!”.

 

SHARE THIS

RELATED ARTICLES

12 COMMENTS

  1. Vorrei avere il coraggio di mostrarmi così come sono davanti ad una macchina fotografica senza vergognarmi . Vorrei sentirmi bella e vorrei che la gente m vedessi bella così come sono

  2. mi piacerebbe tornare ad accettare i miei chili in più e imparare a mettermi in mostra così come sono e non come vorrei essere…

  3. Vorrei anch’io candidarmi ed essere una modella curvy e il mio sogno da realizzare intenzione che non ho l’affetto ne di mia madre ne di mio padre vorrei avere una vita tutta mia e Vorrei sentirmi bella e vorrei che la gente mi vedessi bella così come sono

    1. Tutto dipende dalle richieste dell’agenzia o dell’azienda – professionista che la richiede. L’altezza generalmente richiesta, comunque, specialmente in Italia, parte dall’1,74 cm.

LEAVE COMMENT

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Curvy Pride Walk&Joy, a Roma le camminate per ‘stare bene insieme’

30/09/2018 . by Redazione Web

Parte domenica 7 ottobre a Roma il progetto Curvy Pride Walk&Joy: una serie di appuntamenti per divertirsi e...

READ MORE

“Stop a modelle e modelli troppo magri”: una proposta di legge dal M5S

25/09/2018 . by Redazione Web

Basta alla troppa magrezza, via a sanzioni e a sostegno psicologico e alimentare per i giovani in passerella: ecco i...

READ MORE

Curvy giocatrice di softball: «Lo sport mi ha insegnato ad amare il mio corpo»

12/07/2018 . by Redazione Web

Lauren Chamberlain, curvy giocatrice di softball americana, spiega a ESPN The Magazine come ha imparato ad accettarsi grazie al suo...

READ MORE

3 consigli per vincere l’imbarazzo delle uscite in abiti da fitness

08/05/2018 . by Redazione Web

Ciao a tutte! Vi presentiamo il primo appuntamento della rubrica Curvy In Forma, uno spazio per parlare di...

READ MORE