Lizzy Howell: ballerina plus size a 15 anni contro i pregiudizi - Semplicemente Curvy

Solo 15 anni, una passione sfrenata per la danza e la voglia di cimentarsi in questa disciplina per combattere i pregiudizi legati al suo corpo abbondante: Lizzy Howell, adolescente americana del Delaware, si è fatta riprendere mentre esegue 11 fouetté di fila, le ha pubblicate su Instagram e poco dopo il suo video di ballerina plus size è diventato virale.

Lizzy Howell, di Milford, città americana del Delaware, è così diventata un fenomeno mondiale dopo aver postato nella sua bacheca Instagram un video in cui esegue alla perfezione ben 11 fouetté. In pochi giorni il suo video ha fatto oltre 100 mila visualizzazioni e le ha portato più di 30 mila nuovi follower, entusiasti dalla capacità della ballerina plus size di rompere le regole fisiche del mondo della danza e di esaltare la propria naturale e genuina bellezza.

Lizzy, con suo grande orgoglio, è diventata subito un modello di riferimento per le donne e le ragazze di ogni taglia che vogliono seguire i propri sogni. Nella pagina Instagram della ragazza, a parte alcuni spiacevoli e sempre presenti troll, si leggono per lo più commenti positivi, sul genere di “Sei una ballerina fantastica, non lasciare che si dica mai niente di male a proposito di te”; qualcuno l’ha definita addirittura “una delle migliori ballerine di sempre”.

Lizzy Howell (foto Instagram)

Al di là della leggiadria e della predisposizione fisica alla danza di un corpo come quello di Lizzy, ciò che conta è il messaggio che la ballerina plus size ha deciso di lanciare. Al Daily Mail Online, ha detto: “A nessuno dovrebbe importare del mio peso, ciò che è importante sottolineare è la mia passione per la danza”. A proposito del peso, Lizzy ha affermato che “sta provando a dimagrire, per diventare una ballerina migliore e per avere una salute migliore: perdere peso è difficile”.

La ballerina plus size ha iniziato il suo percorso nella danza all’età di cinque anni e si allena quattro volte a settimana, praticando anche il tip tap. Nel 2016 ha anche fatto parte di una produzione del balletto “Lo schiaccianoci”. Nonostante i soliti commenti negativi ricevuti dal web, ha trovato la forza nei numerosi supporter.

Gli stereotipi esistono per essere abbattuti – ha concluso Lizzy -. Si deve lavorare due volte più del normale per farlo, ma alla lunga le malelingue si accorgeranno che stanno sbagliando. Fate quello che vi piace e non lasciate mai che qualcuno vi fermi”. La stessa filosofia che predicava uno dei nostri primi articoli sulla campagna “This Girl Can”.