ADVERTISEMENT

Come vincere l’insicurezza puntando sulle potenzialità

love-yourself-ama-te-stesso-life-coach

Lavorando come life coach ho potuto spesso constatare come l’insicurezza sia diventata un sentimento generalizzato tra le donne. Sempre più donne si sentono insicure rispetto al proprio aspetto fisico, nelle relazioni interpersonali, riguardo alle proprie capacità, al lavoro e alla possibilità di incarnare contemporaneamente ruoli che attengono alla sfera personale, relazionale e professionale. Scopriamo insieme come vincere l’insicurezza.

Come mai è così frequente oggigiorno provare insicurezza?insecurezza

L’insicurezza tipica dei tempi attuali nasce dal fatto che culturalmente si è portati a guardare ad un modello ideale al quale ci si ispira e con il quale ci si confronta costantemente, indipendentemente da chi si è e da qual è la realtà in cui si vive. Più ci si sente lontani dal modello ideale a cui si aspira, più diventa ampio lo scarto percepito tra noi e il modello. A sua volta, più è ampio lo scarto, più ci si sente frustrate dalla propria ‘incapacità’ di allinearsi a quello standard tanto ambito. Come se non bastasse, nonostante nella quotidianità si facciano passi avanti in direzione del modello ideale, alla fine si punta sempre lo sguardo non sul potenziale di sviluppo ottenuto, ma sempre e solo sul margine di scarto. Con un conseguente e costante senso di inadeguatezza.

Le donne, per predisposizione neuronale e per condizionamenti ambientali e culturali, sono portate ad affrontare le situazioni quotidiane con maggiore flessibilità, a prendersi cura delle persone che hanno vicino, a fare mille cose contemporaneamente e nel mentre pensarne altre mille per non tralasciare niente e nessuno eccetto loro stesse, finendo per relegarsi all’ultimo posto di una classifica più o meno infinita di cose da fare. Il risultato che si ottiene è che ci si sente fragili, si diventa suscettibili e si pensa di essere sempre sotto attacco, finendo per avere reazioni esagerate nei confronti delle persone che si hanno intorno o per chiudersi al mondo, isolandosi.

Come fare per vincere l’insicurezza? 

Prima di tutto c’è da capire, e bene, un concetto: se si vuole vivere una vita piena e soddisfacente, lo sforzo da compiere non è quello di omologarsi ad un modello imposto, bensì quello di valorizzare la propria unicitàoriginalità.

Il secondo passo, prerequisito necessario per affrontare questo percorso in direzione dell’autostima e della felicità, è prendersi cura di sé. La cura di sé è infatti la prima potenzialità da valorizzare, l’unica, se espressa,  in grado di fornire l’energia indispensabile per affrontare un percorso di miglioramento intenso e l’unica, se repressa, capace di rendere insofferenti le nostre potenzialità.

La cura di sé può essere perseguita in molti modi. Il più semplice e immediato riguarda la cura del proprio fisico e consiste nel darsi tempo per migliorare il proprio aspetto, ad esempio nel trovare del tempo da dedicare all’esercizio fisico (anche una camminata a passo svelto di trenta minuti al giorno è sufficiente per avere risultati straordinari sullo spirito e sul corpo) o nel curare il sonno. La cura di sé, tuttavia, è un insieme di attività molto più complesse, che svilupperemo in seguito, e che riguardano la crescita, l’autorealizzazione e l’elevazione come donne. In altre parole, il percorso complessivo che come life coach suggerisco alle mie clienti anche per vincere l’insicurezza.

Se per tanto tempo avete perseguito il miglioramento e avete provato a raggiungere l’ideale desiderato solo attraverso la riparazione dei difetti e il riempimento delle mancanze, d’ora in poi dovrete puntare sui vostri punti di forza. Saranno questi la chiave per migliorarvi, per affrontare le difficoltà e per essere felici vincendo l’insicurezza.

Come individuare i propri punti di forza e vincere l’insicurezza?

punti-forza-debolezzaNon è un percorso immediato, ma nemmeno troppo complesso. Prendetevi del tempo per voi e interrogatevi su quali sono le vostre qualità, le vostre abilità, su cosa vi viene facile fare e su cosa vi mette gioia, quando lo fate: insomma, su tutto ciò che vi caratterizza in positivo. Saranno le vostre potenzialità a permettervi di affrontare i vostri punti di debolezza. Quando ci si rivolge a un make-up artist, a un parrucchiere, a un consulente d’immagine, questi consigliano un trucco, un’acconciatura e un abbigliamento che non coprono i difetti, ma che esaltano i pregi.

Lo stesso vale per i vostri punti di forza: sono le vostre potenzialità personali, i vostri valori, e tutti ne hanno. Valori pratici che, se sfruttati nel modo giusto, apportano un profondo senso di soddisfazione. Trascurarli, però, equivale a trascurare se stessi.

Come riconoscere le potenzialità personali?

Non è difficile: i punti di forza rivelano il proprio vero sé, perché sono processi relazionali che producono emozioni positive sia nella persona stessa, sia in quelle che la circondano: sono attività concrete, scelte, sentimenti, pensieri e azioni. Sono valori. Sono competenze, cioè un saper fare qualcosa che crea appagamento e non solo successo.

Un ottimo esercizio: riabituarsi a sognare a occhi aperti

sogni-realizzareUna volta individuate le proprie potenzialità, è bene riabituarsi a sognare a occhi aperti. La vita è sempre più frenetica, e fin da bambini ci hanno ripetuto che non si poteva perdere tempo. Il risultato è che, con il tempo, si smette di interrogarsi sul senso che si vuole dare alla propria vita, di esplorare il mondo e noi stessi alla ricerca di ciò che entusiasma, di quella che si chiama vocazione, finendo per svegliarsi un bel giorno insoddisfatti della vita attuale. Prendetevi del tempo per pensare, per rispondere agli interrogativi più profondi su voi stessi senza aver paura di quello che scoprirete. E alla fine ponetevi la domanda: che persona voglio essere? Che significato voglio dare alla mia vita?

Costruire la propria cattedrale

Una volta individuato il vostro sogno, proprio come un architetto che ha fatto il disegno della cattedrale che vuole costruire, immaginate tutti i passaggi che porteranno alla sua realizzazione: dove voglio edificarla? con quali materiali la costruirò? chi può aiutarmi e sostenermi nel mio progetto?

Dividete il progetto in mini obiettivi, in fasi. Quale sarà il primo passo? Cosa potrò fare poi? Esattamente come l’architetto, che prima sceglierà i materiali e le ditte che lo affiancheranno nel lavoro, poi inizierà costruendo le fondamenta e, via via, edificherà la sua cattedrale.

Non sarà un percorso facile, né privo di problemi. Ma del resto, quale vita scorre liscia senza mai preoccupazioni? Concentratevi su cosa è in vostro potere cambiare per affrontare la vita quotidiana, prendendovene cura giorno per giorno: questo avrà degli effetti straordinari sul modo in cui considererete voi stesse e affronterete le difficoltà.

L’importanza delle relazioni

relazioni-sociali-life-coachOltre alla cura di sé, la relazionalità è un aspetto da tenere assolutamente in considerazione. Siamo esseri relazionali e la socievolezza è un’altra potenzialità che non possiamo trascurare. Quante volte ci si ripete: “devo imparare a pensare a me, poi agli altri”? Sono i pensieri tipici di una persona ferita, svilita e arrabbiata, e non c’è nulla di più sbagliato che entrare in un circolo vizioso che porta a risultati sempre peggiori.

Piuttosto, è bene avere qualcuno vicino con cui condividere le proprie idee, i propri pensieri, i propri sentimenti, una persona con cui realizzare la propria vita, che si tratti di un amico, un parente, un compagno. Avere cura delle relazioni significa essere premurosi verso gli altri e lavorare per il loro benessere.

La domanda che spesso mi viene posta dai miei clienti, quando parlo della relazionalità, è: “Cosa succede se poi, dandomi da fare tutti i giorni per rendere felici gli altri, non faccio altro che sentirmi stanco e sfruttato, dato per scontato e mai ricambiato?”. La mia risposta è sempre che la cura di sé non può fare a meno degli altri. Avere cura di sé significa avere cura delle relazioni. Lavorare per il benessere degli altri non vuol dire renderli felici attraverso di sé ma attraverso il meglio di sé.

Nel momento in cui sarete soddisfatti di voi stessi e metterete in campo le vostre potenzialità, automaticamente chi vi sta accanto trarrà beneficio dalla vostra felicità.

SHARE THIS

RELATED ARTICLES

LEAVE COMMENT

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sudore e irritazione del seno: ecco i rimedi

04/07/2020 . by Redazione Web

Moltissime donne sperimentano, in estate e quando fanno attività fisica, sudore e irritazione del seno. Prova a risolvere con...

READ MORE

Cosa fare a casa per non trascurarsi durante la quarantena

19/03/2020 . by Redazione Web

Pensando di dover restare a casa solo per qualche giorno, ci siamo tuffate nella tuta e nella pigrizia...

READ MORE

Centri antiviolenza in Italia: cerca qui se hai bisogno di aiuto!

25/11/2019 . by Redazione Web

In Italia, nel 2019, ogni 3 giorni una donna è morta per femminicidio. Se hai bisogno di aiuto rivolgiti ai centri antiviolenza...

READ MORE

Ashley Graham dà lezioni di fitness nel suo canale Youtube

07/11/2019 . by Noemi Matteucci

Thank Bod: ecco la rubrica Youtube in cui la modella curvy Ashley Graham dà lezioni di fitness!

READ MORE